Gli 8 migliori videocitofoni Wi-Fi del 2022

Ultimo aggiornamento: 26.09.22

 

Videocitofono Wi-Fi – Guida all’acquisto, Opinioni e Confronti

 

I videocitofoni rappresentano una comodità non indifferente, poiché consentono l’identificazione immediata di chi sosta fuori la nostra abitazione. Tra le i dispositivi che abbiamo analizzato ci hanno convinto Tmezon monitor wireless 7 pollici, dal prezzo intermedio ma con un design che si avvicina ai top di gamma e Comelit Group S.p.A. Kit Quadra e mini HF Wi-Fi, decisamente più impegnativo ma che potrebbe rivelarsi interessante per gli utenti che puntano principalmente al design minimalista.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 migliori videocitofoni Wi-Fi – Classifica 2022

 

Se siete indecisi su quale videocitofono Wi-Fi comprare poiché non riuscite a identificare il prodotto più adatto alle vostre esigenze, potete fare affidamento sulla nostra classifica che trovate qui in basso. Abbiamo infatti selezionato, in base al grado di soddisfazione dei consumatori, i migliori videocitofoni Wi-Fi del 2022. Continuate dunque a leggere per scoprire le offerte più interessanti.

 

 

Videocitofono Wi-Fi per smartphone

 

1. Tmezon videocitofono monitor wireless 7 pollici

 

La prima delle offerte che prendiamo in esame è un videocitofono Wi-Fi per smartphone Android e iOS, presentato da Tmezon e dal costo non eccessivamente elevato. La proposta include il dispositivo da installare nella zona esterna e un monitor da 7 pollici con display TFT per quella interna, dove visualizzare immediatamente chi si trova al di fuori della porta. 

Trattandosi però di un apparecchio compatibile con smartphone, anche se siete lontani dal monitor potrete controllare tramite cellulare, usando l’applicazione dedicata. Tra le caratteristiche interessanti troviamo la possibilità di inserire una scheda microSD, non inclusa nella confezione, affinché ogni volta che un ospite prema il pulsante del campanello venga scattata una foto, visualizzabile immediatamente sul proprio smartphone se collegato tramite Wi-Fi.

L’installazione potrebbe essere un po’ più laboriosa del normale, pertanto è consigliato l’intervento di un esperto del settore. Da sottolineare che la connessione wireless avviene tra il monitor e la rete casalinga (dopo l’iniziale configurazione tramite cavo LAN) e non tra il campanello esterno e la zona interna dell’abitazione.

 

Pro

Monitor: Il display è sufficientemente ampio, ovvero 7 pollici, per riuscire a godere di una chiara visione di chi si trova fuori la propria abitazione.

Smartphone: Il videocitofono può essere accoppiato allo smartphone per ricevere immagini e far partire registrazioni anche da remoto. Utile per sapere chi si aggira fuori casa quando non siete presenti.

Infrarossi: La visione notturna della telecamera è soddisfacente e riesce a permettere l’identificazione di chi sosta nei pressi dell’occhio elettronico.

 

Contro

Installazione: Richiede un po’ di tempo per il cablaggio poiché il videocitofono e il monitor devono necessariamente essere collegati per poter comunicare.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Videocitofono Wi-Fi Comelit

 

2. Comelit Group S.p.A. Kit Quadra e mini HF Wi-Fi

 

Il videocitofono Wi-Fi Comelit che ci apprestiamo ad analizzare può essere definito uno dei migliori tra quelli venduti online e lo dimostra il grado di soddisfazione dei consumatori che hanno deciso di optare per questo dispositivo. Partendo dal design, estremamente all’avanguardia e moderno, con linee essenziali e pulsanti touch, che riesce a inserirsi in tutti gli ambienti senza risultare ingombrante.

Il kit è composto da un elemento esterno Quadra, un alimentatore, un monitor Wi-Fi e un morsetto di terminazione di linea, il tutto pre-programmato e pronto all’uso, per facilitare la vita di tutti i consumatori che non vogliono richiedere l’intervento di un tecnico.

Tra le tecnologie sfruttate da Comelit abbiamo anche la Face Recognition: qualora vi ritroviate senza chiavi, potrete far sì che il videocitofono riconosca il vostro viso e tramite cloud autorizzi l’apertura. Installando infine l’applicazione relativa su smartphone, potrete controllare da remoto chiunque suoni al vostro campanello, anche qualora non siate in casa.

 

Pro

Design: L’aspetto del kit Comelit è senz’altro uno dei suoi punti di forza grazie a linee essenziali che lo rendono all’avanguardia e ne permettono l’installazione in qualsiasi ambiente.

Qualità: I materiali di costruzione sono eccellenti, per garantire una lunga durata nel tempo riducendo eventuali rotture accidentali, più frequenti nei dispositivi a basso costo.

App: Configurando il proprio smartphone e collegandolo al videocitofono tramite applicazione potrete controllare da remoto l’apertura.

 

Contro

Display: Secondo alcuni utenti che hanno avuto modo di provare a lungo il prodotto, si rivela un po’ troppo piccolo e avrebbero preferito qualche pollice in più per una migliore visione.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Videocitofono Wi-Fi Bticino

 

3. Bticino 363911 Kit Vivavoce monofamiliare

 

Se effettuiamo una rapida comparazione dei prezzi, il videocitofono Wi-Fi Bticino con apriporta è tra i più costosi sul mercato, tuttavia, chi conosce il brand sa che non c’è da stupirsi poiché si tratta di una delle aziende più rinomate nel campo della domotica e dei prodotti smart.

Il Kit vivavoce monofamiliare include un videocitofono Classe 300X13E e display LCD con touch screen da 7 pollici, dovrete quindi acquistare separatamente eventuali accessori come il tetto antipioggia, la scatola da incasso o il comodo supporto da tavolo per il monitor, per appoggiarlo su una superficie piana piuttosto che rovinare le pareti di casa con un’installazione fissa. 

La messa in opera dell’apparecchio è resa semplice da un esaustivo manuale di istruzioni incluso nella confezione, perfetto quindi anche per chi non è esperto del settore. Come ci si aspetterebbe da un dispositivo di questa categoria, grazie all’applicazione dedicata, Door Entry, scaricabile gratuitamente su iOS o Android, potrete interagire anche da smartphone, ricevendo una notifica non appena qualcuno suona il campanello di casa.

 

Pro

Estetica: Dal punto di vista del design, il videocitofono Bticino è ineccepibile, restituendo anche una notevole qualità globale dei materiali.

App: Door Entry è scaricabile gratuitamente, sia per utenti Android sia iOS, in modo da poter controllare in qualsiasi momento chi si trova fuori la propria abitazione.

Display: Grande e dalla risoluzione precisa, gli utenti si sono rivelati molto soddisfatti della resa delle immagini.

 

Contro

Accessori: Per rendere più comodo l’utilizzo del prodotto è necessario mettere ulteriormente mano al portafoglio, acquistando una serie di accessori che fanno lievitare il prezzo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Videocitofono Wi-Fi Vimar

 

4. Vimar K40945 Kit videocitofono monofamiliare

 

In una fascia di prezzo leggermente più alta troviamo invece il videocitofono Wi-Fi Vimar, monofamiliare e costituito da un monitor touch screen, da posizionare all’interno, e un’unità esterna con telecamera, pulsante e targa personalizzabile per aggiungere il proprio nome e cognome.

Per quanto concerne l’installazione, si tratta di un kit pronto all’uso, basterà dunque collegare i dispositivi con due fili a una distanza massima di 100 metri l’uno dall’altro.

Tra i vantaggi che possiamo riscontrare, troviamo l’intercomunicazione, ovvero, qualora abbiate monitor aggiuntivi nella stessa unità abitativa, potrete effettuare chiamate e conversazioni dall’uno all’altro.

I pareri degli utenti sono positivi, soprattutto relativamente al montaggio semplice e veloce, tuttavia bisogna sottolineare che qualche piccolo inconveniente esiste, soprattutto se consideriamo la poca reattività dell’applicazione che può essere installata su smartphone. Qualora desideriate effettuare registrazioni video o scattare foto, potete avvalervi dell’ausilio di una scheda microSD, da 8 fino a 128 GB, da inserire nello slot apposito.

 

Pro

Espandibile: Acquistando altri kit potrete portare il sistema a un totale di tre monitor interni e due targhe esterne.

Installazione: Il kit è pronto all’uso, tutto ciò che dovrete fare è collegare il monitor al videocitofono e sarete pronti a sfruttarne tutte le potenzialità.

MicroSD: Sebbene non sia inclusa nella confezione, è possibile acquistarne una per sfruttare anche la possibilità di registrare e salvare video e foto.

 

Contro

App: Quella che permette di interagire con il citofono tramite smartphone non è ben realizzata e va spesso in crash, rendendo l’esperienza frustrante.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Videocitofono Wi-Fi Tmezon

 

5. Tmezon IP Smart Videocitofono Intercom 10 pollici

 

Probabilmente è riduttivo definire questa proposta di Tmezon un semplice videocitofono ma forse è  bene adottare la definizione della casa produttrice che lo definisce come un “sistema interfonico”. Infatti si compone di un elemento con videocamera da posizionare all’esterno (e in grado di restituire immagini in alta definizione a 720p) e di un visore, da collocare all’interno, con uno schermo da ben 10 pollici.

Per una maggiore versatilità d’uso, però, è disponibile anche l’app TuyaSmart da installare sullo smartphone in modo da ricevere una notifica ogni volta che qualcuno suona il citofono, con anche la possibilità di interagire con il visitatore da remoto, opzione particolarmente comoda in questi tempi, in cui spesso alla porta si presenta un corriere per una consegna.

Tra le opzioni c’è anche quella di registrazione automatica, con la videocamera che si incarica di salvare un video o una foto di chi ha suonato. Tenete presente che per sfruttare questa opzione dovrete inserire nel dispositivo una scheda microSD, che va acquistata separatamente. Il prodotto è dotato di visione notturna a infrarossi ed è impermeabile con lo standard IP65. Non convince invece la qualità del microfono esterno, il che rende talvolta poco comprensibile quello che viene detto.

 

Pro 

Versatile: Alla possibilità di visualizzare chi citofona sullo schermo da 10 pollici da installare in casa si aggiungono le numerose funzioni assicurate dall’app per lo smartphone.

Impermeabile: L’elemento esterno è pensato per sopportare senza particolari affanni l’azione della pioggia o della polvere.

Smart: Grazie all’app e all’acquisto di una scheda di memoria microSD si possono sfruttare tante opzioni che incrementano la sicurezza della propria abitazione.

 

Contro 

Microfono: Quello integrato nell’unità esterna non è il massimo della qualità, dunque potreste avere qualche difficoltà a comprendere tutto quello che viene detto da chi citofona.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Videocitofono Wi-Fi wireless

 

6. Victure Videocitofono WiFi, con Telecamera Wireless HD

 

La proposta di KKmoon si fa apprezzare per il contenuto esborso economico e perché la telecamera wireless integrata assicura immagini in alta definizione, vista la risoluzione Full HD. In questo modo avrete immediatamente chiaro il volto di chi sta suonando, anche grazie all’angolo di visione di 140 gradi che permette di avere una buona panoramica davanti al cancello di ingresso. Trattandosi di un videocitofono wireless si appoggia alla vostra rete internet ma tenete presente che è compatibile solo con il segnale a 2.4 GHz. 

Per poter visualizzare chi sta citofonando è necessario utilizzare lo smartphone, sul cui schermo vengono inviate le immagini, e che funziona anche per interagire vocalmente, sia quando ci si trova in casa sia da qualunque altra parte, il che permette, per esempio, di accordarsi con un corriere perché ripassi a un orario concordato. Tra gli aspetti positivi rientra anche l’impermeabilità assicurata dallo standard IP65, tra quelli meno convincenti invece c’è la durata della batteria, migliorabile. Nel complesso, il giudizio sul prodotto, tenendo conto del prezzo di vendita, è positivo, perciò se siete interessati all’acquisto vi consigliamo di cliccare sul link qui sotto. 

 

Pro 

Alta definizione: La videocamera si fa apprezzare per la sua qualità, visto che acquisisce immagini in alta definizione a 1080p, a tutto vantaggio del comfort di visione.

Semplice: Non ci sono particolari problemi né nel montaggio né tantomeno nell’utilizzo, visto che tutto è improntato alla massima facilità, sfruttando Wi-Fi e applicazione. 

Economico: Il prezzo è di quelli che non spaventano e, dunque, l’esborso da sostenere resta di quelli abbordabili.

 

Contro 

Autonomia: La natura wireless del prodotto rende impossibile l’alimentazione tramite rete elettrica e la batteria integrata non è che garantisca un’autonomia da record.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Videocitofono Wi-Fi Ring

 

7. Nuovo Ring Video Doorbell Videocitofono in HD

 

Versione riveduta e corretta, questo nuovo videocitofono Wi-Fi Ring, oltre ad avere un design e materiali di buona qualità, presenta un dettaglio da non sottovalutare, ovvero la compatibilità con l’assistente vocale di Amazon Alexa. Potendo dunque interagire con i dispositivi Echo, vi basterà dare comandi vocali a questi ultimi per vedere immediatamente tutto ciò che accade fuori dalla porta, con streaming sul display dello smartphone.

Doorbell di Ring è dotato anche di sensori di movimento integrati, ciò significa che nel momento in cui qualcuno sosterà di fronte la vostra porta, verrete avvisati immediatamente con una notifica su smartphone, tablet o PC, in base alla vostra configurazione iniziale. Va rilevato però come la sensibilità del Wi-Fi non sia il massimo e, con ostacoli rappresentati da muri o da porte blindate, è facile che la connessione possa risultare poco stabile. 

La qualità è soddisfacente, visto che le immagini vengono restituite in Full HD (sullo schermo dello smartphone, daato che non è dotato di monitor), inoltre tramite l’app dedicata è davvero possibile personalizzare ogni aspetto della visione. Nel caso è anche possibile sottoscrivere un abbonamento a Ring Protect (a 3 euro al mese) per attivare registrazioni video o acquisizioni fotografiche a scadenze predeterminate, così da aumentare la sicurezza domestica. 

 

Pro 

Alexa: La compatibilità e l’integrazione con gli smart speaker di Amazon è davvero ottima e indubbiamente un valore aggiunto per questo videocitofono Ring.

Sensori: Si attivano qualora rilevino un movimento davanti all’occhio del videocitofono, inviandovi una notifica sullo smartphone.

Immagini: La resa è molto soddisfacente, visto che l’obiettivo acquisisce le immagini con risoluzione Full HD.

 

Contro 

Stabilità connessione: Il Wi-Fi non è impeccabile, in particolare la sua sensibilità è influenzata dalla distanza dal router e dalla presenza di muri di cemento o porte blindate.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Videocitofono Wi-Fi economico

 

8. Yiroka Videocitofono WiFi di Sicurezza

 

Se i prezzi dei prodotti finora analizzati non vi convincono e siete alla ricerca di un videocitofono Wi-Fi economico, adatto alle vostre tasche, allora l’opzione di Yiroka potrebbe fare esattamente al caso vostro. Semplice da installare, una volta posizionato e collegato alla rete Wi-Fi garantisce una visione ottimale, grazie all’occhio elettronico che restituisce immagini in Full HD e un angolo di visione di ben 160 gradi. 

Degna di menzione anche la qualità dell’audio bidirezionale con cancellazione del rumore, per riuscire non solo a vedere chi si trova fuori la porta ma anche dialogarci in tutta tranquillità. Grazie all’applicazione Tosee, che supporta fino a otto utenti, tutti i membri della famiglia potranno visualizzare sullo smartphone che sta suonando il campanello, anche lontano da casa. 

Inserendo una scheda microSD fino a 32 GB (da acquistare a parte) è anche possibile impostare la registrazione video. Il prodotto firmato Yiroka vanta anche lo standard IP65 che lo rende impermeabile e resistente alla polvere ed è dotato di visione notturna a infrarossi. Ciò che non convince del tutto è la qualità della connessione wireless, perché la ricettività del Wi-Fi del  videocitofono non è il massimo. 

 

Pro 

Prezzi bassi: Tra i vari prodotti presenti nella nostra classifica, questo di Yiroka si propone come uno dei più economici, senza che questo ne vada a inficiare la qualità complessiva.

Applicazione: Grazie a Tosee è possibile visualizzare chi sta citofonando direttamente dallo schermo dello smartphone (supporta fino a otto utenti).

Resa complessiva: L’audio è ottimo e, grazie al sistema di cancellazione del rumore, è semplice comprendere ciò che viene detto. Piace anche la presenza dello standard IP65.

 

Contro 

Wi-Fi: Non è il massimo e può capitare che il segnale venga perso o che le notifiche sull’applicazione arrivino con colpevole ritardo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare un videocitofono Wi-Fi

 

Se non sapete come scegliere un buon videocitofono Wi-Fi poiché vi avvicinate per la prima volta a questa categoria di prodotti, vi invitiamo a leggere attentamente la nostra guida, dove troverete tutte le informazioni necessarie per compiere una scelta consapevole. È infatti molto importante evitare di optare automaticamente per i dispositivi più venduti o quelli più economici, ma bisogna valutare con attenzione le proprie esigenze.

Semplicità di installazione

Naturalmente, parlando di videocitofoni con modulo wireless, una delle caratteristiche più importanti deve necessariamente essere la semplicità di montaggio. Sarebbe infatti inutile acquistare uno di tali dispositivi se poi bisogna richiedere l’intervento di un tecnico specializzato, soprattutto perché generalmente bisogna fissare degli elementi alla parete con viti o del semplice nastro adesivo.

In alcuni casi, però, la procedura potrebbe rivelarsi un po’ più laboriosa poiché dovrete collegare il videocitofono esterno a un monitor interno, operazione necessaria però solo di rado. Vi consigliamo dunque di optare per prodotti più immediati qualora non vi sentiate a vostro agio nell’effettuare canaline e fori nelle pareti per il cablaggio.

 

Monitor o app

I dispositivi che godono di un monitor interno, da fissare nell’appartamento e dal quale vedere chi si trova al di fuori della porta, sono sicuramente molto belli a vedersi e non richiedono alcuno strumento esterno, tuttavia non garantiscono la stessa comodità d’uso di quelli che dispongono di collegamento con applicazioni per smartphone o tablet. Queste ultime, essendo installate sui dispositivi mobili, sono accessibili anche da remoto, per poter dialogare magari con un corriere che deve consegnare un pacco mentre siete fuori casa o per informare un familiare in visita che non siete reperibili.

L’unico svantaggio delle applicazioni proprietarie, disponibili quasi per la maggior parte dei videocitofoni Wi-Fi, è nella loro realizzazione. Spesso ci si ritrova infatti con software mal tradotto o non particolarmente reattivo, pertanto prima di effettuare il vostro acquisto vi consigliamo sempre di dare un’occhiata alle nostre recensioni per capire se il videocitofono che avete intenzione di acquistare dispone di un’applicazione semplice e intuitiva o meno.

 

Archiviazione

Per quanto concerne la possibilità di scattare foto e video tramite la telecamera del citofono, ci sarebbe da discutere circa l’effettiva legalità del gesto. Se da un lato molti apparecchi lo consentono, qualora uno dei vostri vicini dovesse sentirsi spiato o registrato contro la propria volontà, potrebbe denunciarvi per violazione della privacy. Utilizzate dunque questa opzione in modo attento e responsabile, senza diffondere eventuali immagini archiviate ma solo a tutela della vostra abitazione. 

I videocitofoni più all’avanguardia dispongono di slot per scheda microSD, generalmente da inserire nell’unità interna, sulla quale verranno salvate tutte le immagini e i video realizzati tramite la telecamera. Se ritenete che tale caratteristica sia strettamente necessaria per mettere in atto una sorta di videosorveglianza, dovrete evitare di puntare la telecamera del videocitofono verso gli spazi condivisi.

 

Espansione

Chi ha un appartamento di dimensioni notevoli, potrebbe non essere pienamente soddisfatto della resa di un videocitofono dotato di un solo monitor. In caso abbiate intenzione dunque di posizionarne diversi in giro per la casa, magari al secondo piano dell’abitazione o in zone più remote dalle quali è difficile raggiungere velocemente la porta di casa, ricordate di verificare che il dispositivo sia compatibile con l’aggiunta di monitor secondari. La spesa sarà un po’ maggiore ma avrete dei notevoli vantaggi per quanto riguarda la comodità di utilizzo.

Design

Sicuramente si tratta di una caratteristica di nicchia, che potrebbe interessare solo a una piccola schiera di utenti, ovvero quelli più attenti all’estetica. Sul mercato è possibile trovare una gran quantità di prodotti, la maggior parte dei quali dal taglio moderno e sobrio, tuttavia può capitare di ritrovarsi a scegliere un videocitofono dall’aspetto non particolarmente eccelso ma conveniente dal punto di vista economico. 

Trattandosi di un elemento altamente soggettivo, è molto difficile indirizzare i consumatori verso una tipologia di apparecchio specifica, tuttavia, per facilitarvi il compito, vi invitiamo a tener presente colori e forme già presenti in casa, in modo da creare un equilibrio visivo ed evitare gadget che stonino con tutto il resto.

 

 

 

Come usare un videocitofono Wi-Fi

 

Se avete acquistato il miglior videocitofono Wi-Fi per le vostre esigenze e non vedete l’ora di metterlo in funzione, ma non sapete bene come fare, la seguente guida vi aiuterà nel setup iniziale.

Prenderemo in considerazione in questa sede modelli standard, che non necessitano di alcun cablaggio ma sono wireless in tutto e per tutto. Tali videocitofoni hanno generalmente una batteria interna sostituibile o ricaricabile, il primo passo è dunque quello di assicurarsi che tale batteria sia carica.

Verificato ciò, potrete procedere all’installazione nel luogo prescelto. Il modo migliore è sicuramente quello di utilizzare delle viti, per agganciare al meglio l’unità esterna a una delle pareti. In questo modo non dovrete temere che possa cadere, eventualità che potrebbe concretizzarsi qualora decidiate di sfruttare del nastro adesivo scadente.

Collegamento

La comunicazione tra il videocitofono, monitor interno ed eventuale smartphone, può avvenire in diverse modalità: tramite infrarossi, bluetooth o rete Wi-Fi. Nel primo caso i dispositivi si troveranno automaticamente entro un certo raggio, nel secondo dovrete aver cura di attivare il bluetooth sullo smartphone mentre per la terza opzione avrete bisogno di usare la password della rete casalinga, che potete facilmente reperire sullo sticker che trovate sotto il modem/router.

Dal momento che ogni videocitofono ha un sistema differente, vi invitiamo ad avere a portata di mano il manuale di istruzioni, dove sarà segnalato in modo accurato la procedura specifica per il prodotto acquistato. In linea di massima, però, qualora decidiate di sfruttare lo smartphone per il controllo della telecamera, dovrete scaricare un’applicazione specifica. 

Sulla confezione del prodotto potrete trovare un QR Code da scansionare, questo vi riporterà immediatamente alla pagina dell’applicazione gratuita per scaricarla ed avviarla da smartphone. Qualora il QR Code non dovesse essere presente, avrete maggiori dettagli sull’app proprietaria tramite il manuale di istruzioni.

 

Impostazioni

Dopo aver effettuato la procedura di pairing, ovvero il collegamento tra smartphone e videocitofono, potrete accedere a una serie di impostazioni specifiche, come per esempio l’attivazione di eventuali sensori di movimento, la registrazione di video quando qualcuno preme il pulsante del campanello, notifiche da ricevere immediatamente su smartphone e così via. Scegliete quelle più adatte alle vostre esigenze ed effettuate delle prove di funzionamento.

Monitor interno

Questo elemento, qualora presente, deve essere alimentato, pertanto dovrete ricordarvi di posizionarlo nei pressi di una presa di corrente. Per un funzionamento migliore del sistema, potrete anche stabilire una connessione cablata con il modem casalingo, utilizzando un cavo di rete LAN. Se avete problemi con il Wi-Fi e la copertura non è delle migliori nella vostra zona, vi invitiamo a sfruttare tale possibilità. Migliorerà non solo la qualità dell’immagine ma anche i tempi di risposta dei singoli elementi saranno più veloci.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come funziona il videocitofono Wi-Fi?

L’uso di questi apparecchi è divenuto sempre più comune ed è lecito chiedersi dunque come funzionino i videocitofoni con modalità wireless. Si tratta di dispositivi molto comodi sia dal punto di vista dell’installazione sia da quello dell’utilizzo, poiché dotati di batteria interna, infatti, qualora non desideriate effettuare fori nelle pareti, potrete contare sul nastro biadesivo per posizionarli velocemente.

Successivamente basta scaricare l’applicazione su smartphone ed effettuare la configurazione iniziale e agganciando il videocitofono alla connessione Wi-Fi casalinga, potrete sfruttare subito tutte le funzionalità dell’apparecchio, senza richiedere l’intervento di un tecnico specializzato.

Posso usare il videocitofono per registrare?

Il videocitofono esiste già da un po’ di tempo sul mercato, tuttavia, negli ultimi anni, si è affermato un nuovo modo di concepire il dispositivo, che prevede la possibilità di registrare le immagini riprese dall’occhio elettronico. Nella maggior parte dei casi, i prodotti in vendita sul mercato offrono gradi diversi di memorizzazione delle immagini. Potrete trovare per esempio videocitofoni che salvano le immagini ogni volta che qualcuno preme il pulsante del campanello, altri dotati invece di sensori di movimento che registrano brevi video di chi sosta di fronte la propria abitazione, altri che inviano le immagini su un server cloud accessibile dal proprietario e infine quelli che salvano tutto su una scheda microSD inserita nell’apposito slot interno. 

Non parliamo naturalmente di una videocamera di sorveglianza, quindi è raro poter accedere alla videocamera in qualsiasi momento della giornata, tuttavia, quando è possibile, sorgono comunque dei problemi legati alla violazione della privacy. Per saperne di più sulla legalità di questo strumento vi consigliamo di leggere attentamente la nostra risposta alla prossima domanda frequente.

 

Quando il videocitofono è ritenuto illegale?

Ebbene sì, in alcuni casi il videocitofono nella sua moderna accezione potrebbe essere ritenuto persino illegale. La questione è spinosa poiché bisogna valutare innanzitutto dove è installato il videocitofono. Qualora questo si trovi all’interno di una proprietà privata, non avrete nessuna limitazione e potrete riprendere gli utenti che sostano di fronte alla vostra abitazione per una questione di sicurezza senza incorrere in eventuali denunce o accuse di limitazione della privacy, d’altronde si trovano su suolo privato che può essere videosorvegliato.

La questione cambia però se il videocitofono riprende ciò che accade sul suolo considerato comune, come per esempio un pianerottolo condiviso da altri condomini o un cortile comune di frequente passaggio. In questi casi, l’uso non è vietato ma sicuramente limitato. È impossibile infatti riprendere continuamente ciò che accade all’esterno e, soprattutto, la telecamera deve essere posizionata in modo tale da riprendere solo ed esclusivamente chi sosta di fronte la propria abitazione.

I prodotti che hanno anche possibilità di registrazione, inoltre, potrebbero suscitare lamentele da parte degli altri condomini e non potrete usare immagini acquisite con il dispositivo se non a scopo di archiviazione, rendendo di fatto nulla qualsiasi prova desideriate portare con voi in tribunale per eventuali cause contro terzi.

 

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

Awow Videocitofono Wi-Fi IP65

 

Continuiamo la nostra classifica con il videocitofono Wi-Fi Awow, realizzato per resistere alle intemperie grazie alla sua certificazione IP65. Il prodotto consente due diversi tipi di installazione: quella wireless per chi non vuole armeggiare con cavi, e quella cablata per chi invece preferisce non avere problemi di ricarica. Nella confezione troverete due batterie da 6.000 mAh, da ricaricare a periodi alternati con un cavo USB per avere sempre il citofono pronto all’uso.

Per gestire da remoto il dispositivo avrete l’applicazione Android/iOS chiamata CloudEdge. Dalla schermata iniziale potrete scattare foto, registrare video, attivare il microfono o persino il rilevatore di movimento. 

Questo vi invierà una notifica nel momento in cui qualcuno sosta di fronte al videocitofono, fungendo quindi anche da telecamera di videosorveglianza qualora sia installata in un contesto privato, dove non è possibile per terzi accedere in modo continuo. Nel kit è presente anche un campanello, che potrete posizionare in casa e alimentare tramite cavo USB, collegato al videocitofono tramite onde radio.

 

Pro

Multifunzione: Grazie all’interazione con l’applicazione CloudEdge, potrete utilizzare il videocitofono come meglio vi aggrada, anche in qualità di telecamera di videosorveglianza.

Impermeabile: La certificazione IP65 vi permetterà di installarlo anche all’esterno senza preoccuparvi di pioggia, vento, caldo o polvere.

Prezzo: Il costo è considerevolmente basso se prendiamo in esame tutte le funzionalità e le caratteristiche del dispositivo Awow.

 

Contro

Ricarica: Qualora non lo utilizziate in modalità cablata, bisogna ricordare di avere sempre una delle due batterie in carica.

 

Yiroka Wi-Fi videocitofono smart wireless

 

Se i prezzi dei prodotti finora analizzati non vi convincono e siete alla ricerca di un videocitofono Wi-Fi economico, adatto alle vostre tasche, allora l’opzione di Yiroka potrebbe fare esattamente al caso vostro. Semplice da installare grazie al biadesivo 3M o, qualora vogliate una sicurezza in più, anche tramite viti, il tutto incluso nella confezione.

Una volta posizionato e collegato sia al Wi-Fi, sia tramite app al proprio smartphone Android o iOS, potrete sfruttarne video e audio bidirezionale con cancellazione del rumore, per riuscire non solo a vedere chi si trova fuori la porta, ma poterci dialogare in tutta tranquillità. La telecamera installata riesce a inviare immagini a una qualità pari a 720 pixel, con ampio spettro di visione dato dai 160°. 

Grazie all’applicazione Tosee, infine, tutti i membri della famiglia potranno usare il campanello, fino a un massimo di otto utenti. Una delle pecche riscontrate è che per mantenere una connessione soddisfacente, bisogna avere una rete casalinga molto stabile.

 

Pro

Prezzi bassi: Considerando tutti i prodotti recensiti nella nostra classifica, quello di Yiroka è il più economico, pertanto potrebbe rivelarsi appetibile per chi vuole spendere poco.

Installazione: Se non volete armeggiare con viti e trapano per installare l’apparecchio, potrete utilizzare il biadesivo 3M per un fissaggio immediato.

Condivisione: L’applicazione Tosee permette a tutti i membri della famiglia di sfruttare il videocitofono, per un massimo di otto utenti.

 

Contro

Batteria: Bisogna ricaricarla poiché non è possibile collegare l’apparecchio all’alimentazione per un utilizzo continuo, un fattore che alcuni utenti hanno trovato un po’ scomodo.

 

 

Ring Video Doorbell Pro

 

Il videocitofono Wi-Fi Ring, oltre ad avere un design di qualità, presenta un dettaglio da non sottovalutare, ovvero la compatibilità con l’assistente vocale di Amazon Alexa. Potendo dunque interagire con i dispositivi Echo, vi basterà dare comandi vocali a questi ultimi per vedere immediatamente tutto ciò che accade fuori dalla porta con streaming sul display dello smartphone.

Doorbell Pro è dotato anche di sensori di movimento integrati, ciò significa che nel momento in cui qualcuno sosterà di fronte la vostra porta, verrete avvisati immediatamente con una notifica su smartphone, tablet o PC, in base alla vostra configurazione iniziale.

Qualora vogliate evitare la ricarica mensile della batteria interna, potrete collegare l’apparecchio ai cavi del precedente campanello, garantendo così un utilizzo costante anche qualora non siate in casa per lunghi periodi di tempo. Per scoprire dove acquistare il videocitofono Ring, non vi resta altro da fare che cliccare sul link sottostante, potrete così scoprire immediatamente il prezzo e capire se rientra o meno nel vostro budget.

 

Pro

Assistente vocale: Ciò che distingue questo videocitofono dagli altri esaminati, è la compatibilità con Alexa di Amazon. Potrete dunque farlo funzionare dando comandi vocali al vostro dispositivo Echo.

Movimento: I sensori li registrano se qualcuno si trova di fronte al videocitofono, inviando subito una notifica sul vostro smartphone, PC o tablet.

Immagini: La resa qualitativa è elevata e potrete contare su una risoluzione di 1.080p, nonché audio on-demand tramite funzione Live View.

 

Contro

Monitor: Non è incluso nella confezione e bisogna avvalersi sempre dello smartphone. Considerato il prezzo è una mancanza che si fa sentire, soprattutto per gli utenti più esigenti.

 

Qihoo 360 videocitofono Wi-Fi 360 D819

 

Per chi non vuole spendere centinaia di euro per uno di questi dispositivi, la scelta più sensata è quella di prodotti come il videocitofono Wi-Fi Qihoo 360, privo di monitor interno e in grado di restituire immagini e video unicamente sullo smartphone, dotato di applicazione apposita.

Nel kit è presente anche un campanello interno, da inserire nella presa elettrica, che funge da Wi-Fi Extender e presenta uno slot per scheda microSD, da acquistare però separatamente. Sulla scheda verranno automaticamente salvate le registrazioni video e non avrete necessità di svuotare la memoria di tanto in tanto poiché quelle più vecchie vengono automaticamente sovrascritte.

Il videocitofono può essere installato alla parete con del semplice nastro biadesivo o, volendo, anche con viti per garantire una maggiore tenuta. Il dispositivo è alimentato da una batteria da 5.000 mAh che deve essere estratta e ricaricata ogni 2/3 mesi circa.

 

Pro

Autonomia: La batteria ha una durata di circa 3 mesi, più che soddisfacente rispetto alla maggior parte dei prodotti offerti dalla concorrenza.

Extender: Il cicalino interno ha anche questa funzione, per permettere anche alle linee Wi-Fi più deboli di riuscire a raggiungere il videocitofono posizionato all’esterno.

Archiviazione: Permette di salvare foto e video non solo su spazio cloud gratuito, ma anche su apposita scheda microSD inserita nel cicalino.

 

Contro

App: Come molti dei dispositivi di stampo cinese lascia un po’ a desiderare sia per quanto riguarda le traduzioni sia per le funzionalità vere e proprie.

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

DEJA UN COMENTARIO

0 COMENTARIOS