Come fare richiesta di accesso ai filmati di videosorveglianza

Ultimo aggiornamento: 26.09.22

 

L’accesso alle immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza è strettamente regolato dalla legge; vediamo come bisogna procedere in caso di necessità.

 

L’installazione delle videocamere di sorveglianza è diventata ormai una pratica comune anche in ambito privato e domestico; la cosa è facilitata dal fatto che l’installazione di un impianto di videosorveglianza non è soggetta ad alcuna autorizzazione preliminare. Che si tratti di una singola telecamera oppure di un sistema di videosorveglianza centralizzato con un DVR 8 canali e altrettante telecamere, cioè, il diretto interessato non ha bisogno di chiedere alcuna autorizzazione da parte del Garante o di altri enti.

Il Garante, però, è tenuto in ogni caso a tutelare la privacy dei cittadini, e lo fa assicurandosi che siano rispettate le normative dell’Unione Europea in materia di sicurezza e dati personali. Questo significa che l’installazione delle telecamere, anche se libera, è soggetta a delle limitazioni. Le prime sono di natura logistica e interessano il loro orientamento; le telecamere, cioè, non devono assolutamente inquadrare zone ad accesso pubblico, come per esempio le strade o le parti comuni degli edifici condominiali, né essere puntate sulle proprietà dei vicini.

Nell’area sottoposta a videosorveglianza, inoltre, deve essere esposto un cartello per notificare alle persone la presenza delle telecamere ancor prima di entrare nel loro raggio di ripresa. Ulteriori restrizioni, poi, riguardano le registrazioni degli impianti di videosorveglianza e la loro successiva gestione.

Immagini videosorveglianza

È risaputo che i filmati delle telecamere di videosorveglianza possono essere conservati soltanto per 24/48 ore al massimo, dopodiché devono essere cancellati. Questa regola è valida sia per i privati sia per le attività commerciali, per gli impianti di videosorveglianza dei luoghi pubblici, per le telecamere comunali e per le telecamere polizia; soltanto in circostanze straordinarie viene concesso, a coloro che ne fanno richiesta per validi motivi, il permesso di estendere la conservazione dei filmati.

L’estensione può andare da un minimo di 72 ore fino a una settimana o anche quattordici giorni, a seconda delle circostanze; il proprietario di un negozio, per esempio, può chiedere l’estensione del limite durante i fine settimana e nei periodi di chiusura per ferie, in modo da poter esaminare a posteriori i filmati ripresi dalle telecamere durante quei giorni. Il Garante può concedere l’autorizzazione a estendere il periodo di conservazione dei filmati, ma può decidere anche di non farlo se ritiene che non sussistano le dovute motivazioni.

Come accennato prima, inoltre, anche la videosorveglianza comunale e le telecamere videosorveglianza stradale sono soggette a questa limitazione, così come gli impianti di videosorveglianza condominiali. Questi ultimi però, a differenza degli impianti privati, sono installati in luoghi pubblici, e in questo caso il Garante impone che venga nominato un incaricato per la gestione delle registrazioni. Costui può essere il titolare dell’azienda o dell’ufficio dove l’impianto è installato, oppure una persona designata appositamente.

 

Chi può visionare le registrazioni delle telecamere

L’incaricato addetto alla gestione delle registrazioni è anche l’unico autorizzato a visionarle, nonché l’unico ad avere il potere di garantire l’accesso alle immagini e a decidere se consegnarle a terzi oppure no.

Visionare filmati videosorveglianza

In determinate circostanze, infatti, potrebbe rendersi necessario visionare registrazioni di telecamere di sorveglianza. Mettiamo per esempio il caso in cui l’edificio condominiale dove si vive sia stato oggetto di atti di vandalismo oppure che abbiate subito un furto, e che nel palazzo sia installato un impianto di videosorveglianza che ha ripreso l’accaduto. In questo caso sussiste il diritto di accedere alle riprese video, ma bisogna comunque rispettare una prassi.

Questa prevede innanzitutto la presentazione di una richiesta accesso filmati videosorveglianza all’amministratore del palazzo; questa richiesta deve essere scritta, bisogna cioè compilare un apposito modulo il cui fac-simile può essere facilmente scaricato da internet, e una volta presentata all’amministratore del condominio costui potrà consultare la persona designata alla gestione dell’impianto e chiederle di garantire l’accesso ai filmati di videosorveglianza.

Quest’ultimo viene concesso alle seguenti condizioni: l’accesso, la visione e l’eventuale estrapolazione delle immagini possono avvenire soltanto in presenza della persona incaricata della loro gestione, inoltre quest’ultima è tenuta a fornire l’accesso solo alle immagini relative al reato a cui si fa riferimento. Per questa ragione quindi, oltre a presentare la richiesta all’amministratore del palazzo, prima di ottenere l’accesso alle immagini dall’incaricato alla gestione delle registrazioni bisogna mostrare anche la prova della ricezione della denuncia, oppure della querela, presentata all’autorità di Pubblica Sicurezza.

 

Acquisizione immagini videosorveglianza polizia giudiziaria

La questione potrebbe diventare molto più delicata e complessa quando sono la polizia giudiziaria, gli istituti di vigilanza privata o le forze dell’ordine in generale, a trovarsi nella posizione di fare richiesta di accesso alle immagini di videosorveglianza. Se un pubblico ufficiale si confronta con un privato cittadino per avere accesso alle registrazioni video, infatti, anche in questo caso vigono le stesse restrizioni descritte nel paragrafo precedente.

Di solito, infatti, la richiesta dei filmati da parte delle autorità di Pubblica Sicurezza, viene fatta quasi sempre in caso di procedimenti penali in corso, di conseguenza il pubblico ufficiale presenta una richiesta scritta per ottenere la consegna delle riprese video. Se invece la richiesta da parte delle autorità avviene in maniera verbale, al di fuori di un procedimento penale o comunque in modalità “anomala” rispetto a quanto stabilito dal Garante della privacy, allora l’incaricato alla gestione delle registrazioni video, se lo ritiene opportuno, ha il pieno diritto di negare l’accesso alle immagini.

Anche nel caso in cui la richiesta da parte delle autorità sia eseguita entro i parametri di legge, però, non sempre questa può risultare fondata su una decisione in grado di “obbligare” l’incaricato alla gestione delle immagini a consegnare il materiale. Secondo la legge, infatti, la consegna dei dati personali può avvenire solo in tre casi: quando la persona oggetto delle registrazioni video rilascia il suo consenso, quando la richiesta delle registrazioni è pienamente giustificata dalla legge, oppure quando sussiste un interesse preponderante, pubblico o privato che sia.

 

 

 

DEJA UN COMENTARIO

13 COMENTARIOS

Stefano

July 6, 2022 at 9:29 pm

Buonasera,
Ho subito il furto di un bagaglio nel parcheggio dell’aeroporto di Fiumicino, in un’area palesemente soggetta a videosorveglianza da parte di Aeroporti di Roma. Le immagini mostrerebbero molto probabilmente il ladro in azione e forse ne permetterebbero l’identificazione e, chissà, il recupero del maltolto. Ho sporto denuncia ma mi chiedo se posso fare qualcosa per acquisire quelle immagini. Ringrazio per ogni suggerimento
Stefano.

Répondre
Davide

August 6, 2022 at 8:10 pm

Se ha sporto denuncia, sarà l’Autorità giudiziaria a farne richiesta formale.

Répondre
ProjectManager

July 25, 2022 at 1:17 pm

Salve Stefano,

una volta sporta denuncia, sono eventualmente gli agenti di polizia a poter fare richiesta di visione dei filmati, qualora lo ritengano d’aiuto nell’indagine.

Saluti
Team A

Répondre
Lucia

June 14, 2022 at 10:21 pm

Salve,
Ero con la bici e sono stata investita da un’auto.
Ho visto solo oggi che proprio nel punto dove è avvenuto l’incidente ci sono 2 telecamere. Come posso fare x accedere al filmato di quel momento ? Grazie

Répondre
ProjectManager

July 25, 2022 at 1:40 pm

Salve Lucia,

una volta fatta denuncia alla polizia o ai vigili, saranno eventualmente loro a poter fare richiesta di visione dei filmati

Saluti
Team F

Répondre
Vincenzo

June 5, 2022 at 7:17 am

Buongiorno volevo chiedere sono un privato cittadino se vengono le forze dell’,ordine e mi dicono che è stata fatta denuncia x tentato furto auto e mi chiedono la registrazione del DVR sono tenuto a dargliela? E io in qualità di cittadino devo avere qualche richiesta da loro prima di darle. Grazie

Répondre
ProjectManager

July 25, 2022 at 1:41 pm

Salve Vincenzo,

Di solito la richiesta dei filmati da parte delle autorità di Pubblica Sicurezza, viene fatta quasi sempre in caso di procedimenti penali in corso, di conseguenza il pubblico ufficiale presenta una richiesta scritta per ottenere la consegna delle riprese video. Se invece la richiesta da parte delle autorità avviene in maniera verbale, al di fuori di un procedimento penale o comunque in modalità “anomala” rispetto a quanto stabilito dal Garante della privacy, allora l’incaricato alla gestione delle registrazioni video, se lo ritiene opportuno, ha il pieno diritto di negare l’accesso alle immagini.

Saluti
Team F

Répondre
Fortunata Amaro

May 18, 2022 at 7:06 am

Buongiorno,
Come Fare Richiesta Di Accesso Ai Filmati Di Videosorveglianza?

Grazie
Fortunata

Répondre
ProjectManager

May 24, 2022 at 2:00 pm

Salve Fortunata,

di che filmati si parla? Se sono quelli della videosorveglianza di un condominio, la richiesta va fatta all’amministratore.

Saluti
Team F

Répondre
matteo autuori

April 14, 2022 at 10:21 am

Buon giorno.nel condominio dove abito e’stato installato un sistema di telecamere.non e’stato nominato un responsabile della privacy.L’amministratrice da’spesso incarico al portiere di visionare i filmati senza la sua presenza e addirittura un condomino ha con il cellulare ripreso un’auto che gli ha danneggiato la propria auto.Mi chiedo in che responsabilita’incorre il condominio ed eventualmente cosa si potrebbe fare per mettersi in regola?Grazie saluti

Répondre
ProjectManager

April 20, 2022 at 10:47 am

Salve Matteo,

l’unico legittimato a visionare le immagini registrate dalle telecamere installate nel condominio è l’amministratore. Va da sè che ogni condomino ha diritto di visionare le registrazioni ma solo a condizione, ovvero facendo richiesta all’amministratore e che la visione avvenga sotto il controllo e con la presenza dell’amministratore stesso.

Saluti
Team F

Répondre
Giuseppe Mangiafico

March 30, 2022 at 3:47 pm

Buona sera. Desideravo sapere come estrapolare sia video che immagini. Come fare per inserirli nel computer privato e farne un video?

Répondre
ProjectManager

April 6, 2022 at 1:30 pm

Salve Giuseppe,

quale sistema utilizzi per la videosorveglianza? Ci dovresti fornire qualche indicazione in più affinché possiamo risponderti…

Grazie
Team N

Répondre